Shannen Doherty ha raggiunto un accordo coi suoi ex manager. L’attrice statunitense 45enne, malata di cancro al seno, li aveva accusati di averla lasciata senza copertura sanitaria, ritardando in questo modo la diagnosi della sua malattia. L’accordo per chiudere la causa si basa su condizioni non specificate che devono essere rispettate entro i prossimi 45 giorni. L’ex star di Beverly Hills 90210, nel 2015, aveva citato in giudizio la società di revisione “Tanner Mainstain Glynn & Johnson” per aver mal gestito il suo patrimonio e per lasciato scadere la sua assicurazione sanitaria nel 2014.

La diagnosi tardiva era arrivata a marzo dello scorso anno, mentre l’attrice aveva iniziato a parlarne dal mese di agosto dello stesso anno. Doherty ha raccontato passo a passo la sua malattia sui social e in televisione: i racconti delle chemioterapie, poi la perdita e il taglio dei capelli in diretta, fino alle lacrime in una trasmissione televisiva dove aveva affermato: “Non mi importa a che stadio sia il mio cancro, mi concentro sulla mia battaglia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Amici, l’ex ballerino Marcus Bellamy uccide il fidanzato e poi scrive su Facebook: “Io sono Dio. Do la vita e posso portarla via”

prev
Articolo Successivo

Decathlon, la campagna pubblicitaria scatena polemiche su Twitter: “Gioco a calcio perché in campo non servono libri”

next