Invettiva del cuoco Gianfranco Vissani contro i vegani e i cultori della cucina sperimentale “molecolare”. Ospite di In Onda Estate (La7), lo chef di Massimo D’Alema (descritto come amante delle frittate) si rende protagonista di un vis-à-vis con il collega Davide Oldani, fautore della “cucina pop”, da lui definita come “stile di vita”. “Che mi fai, come i vegani?” – insorge Vissani – “Ma quale stile di vita, dai, è una tua cucina!”. La polemica tra i due verte poi sulla cucina a bassa temperatura, sulla quale Vissani si accalda oltremodo: “Con questa cucina mangiamo il capretto a basse temperatura, quando invece è tiepido. Lo stesso vale per lo stinco, la guanciola, il pollo. Vengono cotti due volte e questa cosa non la sopporto, perché vuol dire che non siamo più all’altezza di cucinare un pollo. Abbiamo queste cucine moderne a induzione e con controsoffitti aspiranti, poi non se po’ fa’ un cazzo! Non sappiamo fare più un cazzo!“. Infine, l’attacco ai vegani: “Sono una setta, come i testimoni di Geova“. “Non dire stupidate”, mormora Oldani. “E invece è vero” – ribatte il cuoco umbro – “Io li ammazzerei tutti. E intendo i vegani, non i vegetariani. Anche Pitagora era vegetariano, ma mangiava uova e formaggio. I vegani sanno benissimo che il pane che comprano ha il miglioratore, cioè un estratto del pancreas del maiale“. Gli fa eco Carlo Cambi, autore de “Il gambero rozzo”: “Sono d’accordo con Vissani. Dopo la P2, avremo la V2

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Mi spiace, ho il raffreddore”, Adele annulla il concerto con un video su Instagram

next
Articolo Successivo

Opera, il caso strano dell’Italia: inventò il melodramma, ora è fanalino di coda in Europa per festival e repliche

next