“Sono molto felice che mio figlio sia uscito di prigione, non importa che sia a Dubai, in Arabia Saudita, o in qualsiasi altro posto, l’importancte è che non sia più in prigione”. Parla così il padre di uno dei 15 prigionieri trasferiti negli Emirati dopo 14 anni di detenzione a Guantanamo

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, ministero Istruzione alle scuole: “Distruggere libri legati a Gulen”, colpite 29 case editrici. Chiuso un altro giornale

next
Articolo Successivo

Isis, il declino dei media italiani sulle questioni internazionali

next