Ferita alla mano sinistra da un colpo di pistola. La vittima è una bambina di appena 3 anni che si trovava con i genitori a bordo di un’auto che viaggiava nei pressi del cimitero di Capua, in provincia di Caserta. E’ successo la scorsa notte intorno alle 4. La piccola, fanno sapere i carabinieri, non è in pericolo di vita. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Capua e personale della sezione Rilievi del Nucleo investigativo di Caserta.

Chi ha sparato, hanno raccontato le vittime, era a bordo di una Fiat Panda rossa ed è subito scappato. La piccola è stata portata dai genitori all’ospedale di Santa Maria Capua Vetere dove è stata curata. Al centro delle indagini ci sono i genitori, sul loro passato sono in corso accertamenti. I carabinieri di Caserta ha interrogato la coppia per capire cosa ci facesse a quell’ora e in quel luogo. Tutta da chiarire anche la dinamica, così come la veridicità del racconto secondo il quale la loro vettura sarebbe stata raggiunta dalla Panda rossa da cui è partito il colpo che ha forato il lato posteriore della macchina e ha ferito la bimba.

In serata gli investigatori hanno fermato il 32enne Biagio Capasso: è accusato di tentato omicidio per il ferimento della piccola. Le indagini proseguono per verificare se Capasso ha agito da solo o se invece c’erano dei complici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sarah Scazzi, dopo un anno mancano le motivazioni. Basta il ‘sentire popolare’ a giustificare le condanne?

next
Articolo Successivo

Mazara del Vallo, coppia sgozzata: il presunto assassino trovato morto suicida

next