Dopo l’uccisione di Padre Jacques Hamel, sgozzato mentre celebrava la messa, in Normandia, nella Chiesa di Saint-Etienne-du Rouvray, abbiamo raccolto le voci dei fedeli in visita a San Pietro. “Ho pregato per lui – dice un signore tedesco mentre esce dalla Chiesa di Santo Spirito-  quel prete è diventato martire, ha celebrato la messa al cento per cento perché ha partecipato al sacrifico con la sua vita, gli altri preti fanno solo a metà la messa”. Molti sono convinti che non si tratti di una guerra di religione, la pensa così Alì, un ragazzo di origini irachene: “è una guerra politica”. La risposta agli attacchi è “stare uniti e combattere i gruppi armati insieme” dice sua moglie che è musulmana. Al contrario pensa che sia “una guerra contro tutti i cristiani” un signore americano del Tennessee. “Non mi sento sicura, siamo tornati indietro ai tempi delle crociate” commenta una ragazza italiana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, arrestato il picchiatore seriale. Eccolo dj in consolle: “Prometto serata da pazzi”

next
Articolo Successivo

Terrorismo, i cattolici di Milano: “I fatti francesi mi hanno sconvolto. Proteggete le nostre chiese”

next