Ci sono state due esplosioni a Qamishli, cittadina nel nordest della Siria al confine turco: sono morte 55 persone, mentre ammonta a 160 il bilancio dei feriti. Alcune persone sarebbero invece ancora sepolte dalle macerie, secondo quanto dichiarato da Qaqoub. Un primo attacco è stato compiuto da un camion-bomba vicino a una stazione della polizia locale, secondo quanto riporta l’agenzia curda Rudaw. La seconda esplosione ha invece colpito un quartiere che ospita le sedi della sicurezza, nel quartiere occidentale della città.
Gli attacchi sono stati rivendicati dall’Isis, attraverso un comunicato trasmesso dall’agenzia Amaq: “Un combattente dello Stato islamico – si legge nel comunicato – è riuscito a raggiungere un certo numero di edifici dei curdi grazie a un camion carico d’esplosivo, facendo esplodere anche sé stesso”. Il comunicato prosegue precisando che “l’attacco è una risposta all’uccisione di uomini, donne e bambini nelle aree sotto il controllo dell’Isis (da parte dei militari curdi, ndr)”. Le forze curde combattono ferocemente il sedicente Stato Islamico, soprattutto ad Aleppo e a Raqqa. Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani, il conflitto che prosegue da 5 anni ormai, ha provocato 280 mila vittime. La regione di Hasake, omonima del suo capoluogo, è infatti popolata in maggioranza dai curdi ed è stata inserita nella neonata regione autonoma del Kurdistan siriano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Albania, con la benzina in ospedale per dare fuoco al rivale. Tre morti e due feriti: le immagini choc

prev
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2016, anche l’attore Tony Goldwyn (il presidente di Scandal) alla convention democratica

next