Il canone in bolletta diventa un caso politico. Dopo le denunce di alcune associazioni dei consumatori, il vice presidente della Camera in quota Forza Italia, Simone Baldelli, va alla carica. Con un’interrogazione parlamentare a sua prima firma che mette sotto accusa il nuovo sistema di riscossione del canone Rai in bolletta elettrica. Puntando il dito contro gli errori commessi nelle richieste di pagamento.

TIREREMO DIRITTIIn particolare sembra che vi siano stati diversi utenti che, avendo chiesto l’esonero secondo le disposizioni di legge, abbiano, invece, ricevuto la richiesta di pagamento in bolletta – si legge nel testo – mentre pare che altri, pur non avendo fatto richiesta di esenzione, non abbiano ricevuto la richiesta di pagamento del canone Rai nella bolletta elettrica di luglio, con il rischio di vedersi addebitare qualche sanzione in futuro dagli organi addetti all’accertamento”. Per questo i deputati azzurri chiedono ai ministri dell’Economia e dello Sviluppo economico di sapere “se il governo sia a conoscenza dell’esistenza di questi errori, se abbia idea delle dimensioni del fenomeno e cosa intenda fare per tutelare i diritti dei cittadini utenti e consumatori, anche in vista del termine ormai prossimo delle scadenze di pagamento”.

PASTICCIO RAI Insomma, il rischio è quello di dare vita ad un vero e proprio pasticcio. “Il governo Renzi ha avuto la brillante idea di affidare la riscossione del canone Rai a società elettriche che proprio di recente sono state condannate per gravi comportamenti scorretti nei confronti dei consumatori – spiega a ilfattoquotidiano.it Baldelli rincarando la dose –. Noi abbiamo denunciato sia i comportamenti scorretti delle società elettriche, su cui il governo sembra voler far finta di nulla, sia il rischio di possibili errori nel pagamento del canone Rai, su cui adesso vogliamo risposte chiare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scelta civica, anche Valentina Vezzali in uscita: possibile ingresso nel gruppo con i verdiniani

prev
Articolo Successivo

Inno di Mameli, è “provvisorio” da 70 anni: in 4 legislature 16 proposte a vuoto per ufficializzarlo. Adesso forse ci siamo

next