‘Solar Impulse 2’ vince la sfida e l’aereo svizzero fa il giro del mondo sfruttando unicamente l‘energia solare. Una missione che ha come obiettivo quello di  promuovere e incentivare l’uso di energia da fonti rinnovabili. Il suo volo è iniziato il 9 marzo 2015 e dopo 43mila km in 17 mesi è atterrato presso l’aeroporto di Abu Dhabi (Emirati Arabi). Ad alternarsi alla guida del velivolo, i due piloti svizzeri Bertrand Piccard e André Borschberg, promotori del progetto. Nel filmato, un time-lapse con le foto scattate in giro per il mondo da Solar Impulse 2

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, ‘smart city’ e ‘open data’ sono belle parole. Ma per rifiuti e trasporti servono sanzioni

next
Articolo Successivo

Italia, quale futuro per lavoro e tecnologia nel 2050?

next