Aquila, il drone alimentato ad energia solare di Facebook, che servirà per portare internet nelle zone più remote del pianeta, ha fatto il suo primo volo di prova. A diffondere la notizia sul social network è lo stesso Mark Zuckerbeg che, in una nota intitolata “The technology behind Aquila“, ne descrive sommariamente le caratteristiche principali. Il velivolo, automatizzato e capace di volare per tre mesi senza mai fermarsi, nonostante abbia un’apertura alare come quella di un Boing 737 in realtà è leggerissimo. Parliamo di un peso pari a 453 chili, dovuto ad un telaio realizzato in fibra di carbonio. Nello specifico, Aquila riuscirà a coprire vaste aree, si parla di un raggio di 100 km, con un innovativo sistema di comunicazione laser. Durante il primo test avvenuto con successo, Aquila ha volato per 96 minuti raccogliendo una moltitudine di dati che verranno poi elaborati da un team di scienziati ed utilizzati per finalizzare il progetto di copertura globale portato avanti dal gruppo Internet.org, di cui fa parte, oltre a Facebook, anche Samsung, Ericsson, MediaTek, Opera Software, Nokia e Qualcomm
(video tratto da Facebook)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pokémon Go, sono cadute le barriere tra gioco e realtà?

next
Articolo Successivo

Roma, ‘smart city’ e ‘open data’ sono belle parole. Ma per rifiuti e trasporti servono sanzioni

next