Clima da guerra civile in Turchia dopo il colpo di Stato dell’esercito contro il presidente Erdogan nella notte tra il 15 e il 16 luglio. Centinaia di persone sono scese in strada per ritirare soldi dai bancomat dopo che i militari hanno dichiarato di aver preso il potere. A Istanbul ci sono cittadini in fila per comprare il pane e fare scorte di acqua e benzina nel timore che nei prossimi giorni la situazione degeneri ulteriormente e diventi impossibile procurarsi contanti e generi di prima necessità. Le forze armate hanno già dichiarato l’entrata in vigore della legge marziale e del coprifuoco.

Su Twitter vengono segnalate code nei mercati all’aperto dei principali distretti di Istanbul per acquistare anche uova e latte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Colpo di Stato in Turchia, fallisce golpe dell’esercito contro Erdogan. Che torna a Istanbul: “Autori pagheranno”

next
Articolo Successivo

Colpo di stato in Turchia, spari sulla folla ad Istanbul. Esplosioni anche ad Ankara

next