Marian Ismail, mediatrice culturale ed ex esponente del Partito democratico cittadino, lancia la polemica e restituisce la tessera del Pd perché il suo partito ha scelto di stare, a suo dire, dalla parte sbagliata del mondo musulmano milanese: “L’amministrazione di Giuseppe Sala non sta dialogando con tutte le anime dell’Islam. Io rappresento la parte laica, ma il Pd meneghino predilige il Caim, Coordinamento associazioni islamiche che ha un approccio politico alla religione”. La diatriba è nata quando i dem milanesi hanno chiesto di candidarsi a Sumaya Abdel Qader, una delle leader più note del Caim. Oggi lei siede in consiglio comunale e smorza le polemiche: “Bisogna riconquistare l’unità del popolo musulmano milanese perché ne vade della comune lotta contro tutti gli estremismi e le violenze” di Fabio Abati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, aggressione omofoba a Ponticelli. La vittima: “Ho pensato di morire”

next
Articolo Successivo

Napoli, contro-sfilata di precari e disoccupati: “Noi vera immagine della città”

next