L’incidente
small_110213-011153_mi300609cro_0017Nella serata del 29 giugno 2009 un treno che trasporta gpl attraversa la stazione di Viareggio. Un asse sotto a un carro si spezza, si scoprirà che è corroso. Sono le 23,48. Il treno deraglia, i due macchinisti se ne accorgono dopo 10 secondi perché in cabina c’è rumore e nessun controllo retrovisivo. Frenano, danno l’allarme, scappano, si salvano: potranno raccontare di non aver fatto errori. Da quel giorno non sono più saliti su un treno.

Strage di Viareggio, in 10 punti ciò che c’è da sapere: dall’emergenza al processo ai vertici di Ferrovie

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, “così morirono 32 persone”. 7 anni dopo è rischio prescrizione

next
Articolo Successivo

Strage di Viareggio, i treni con merci pericolose? A 90 orari senza studi di valutazione del rischio: non c’è obbligo

next