Il libro nero della strage
riccardo antonini 2 640La strage di Viareggio è anche la storia di Riccardo Antonini, il ferroviere viareggino licenziato dopo aver ricoperto (gratis) l’incarico da consulente tecnico a una delle famiglie colpite dalla strage. La motivazione ufficiale, in realtà, sono le contestazioni che Moretti subisce alla Festa del Pd di Genova del 9 settembre 2011. A protestare sono i No Tav, l’ingegnere è costretto ad andarsene, ma querela Antonini. Il giudice però assolve Antonini: non ha mai insultato Moretti. Ma non viene mai reintegrato. E’ tutt’oggi senza lavoro.

E poi lo scontro tra le associazioni dei familiari e la Cgil. Come quando il sindacato nel maggio 2014 invita a un evento, a Rimini, proprio Moretti. Settimane prima, con una lettera, Marco Piagentini – che nella strage ha perso moglie e due figli – aveva chiesto di intervenire. Ma la Cgil non ha mai risposto e i parenti delle vittime sono rimasti fuori dal centro congressi.

Infine la questione mai chiarita dei soldi raccolti per beneficenza per il disastro ferroviario dalla Misericordia di Viareggio. Report, il programma di Rai3, scopre che qualcosa che non va, chiede conto delle destinazioni e della cifra raccolta. Il giornalista che ha condotto quell’inchiesta fu querelato dal presidente dell’associazione. Anche ilfatto.it cercò, anni dopo, risposte, senza averle.

INDIETRO

Strage di Viareggio, in 10 punti ciò che c’è da sapere: dall’emergenza al processo ai vertici di Ferrovie

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, “così morirono 32 persone”. 7 anni dopo è rischio prescrizione

next
Articolo Successivo

Strage di Viareggio, i treni con merci pericolose? A 90 orari senza studi di valutazione del rischio: non c’è obbligo

next