“Mi piacerebbe vedere questo presidente del Consiglio, di fronte ad una battuta di arresto come questa delle ultime comunali, apra un dibattito chiamando quelli che non sono d’accordo a discutere con lui”. E’ questo il primo commento post-ballottaggio del giornalista Michele Santoro alla presentazione del libro di Massimiliano Lenzi, ‘Maledetto Toscano – Matteo Renzi e lo strapaese a puntate’ (compagnia editoriale Aliberti) insieme a Chicco Testa, ex presidente Enel. “A loro modo – continua Santoro – i grillini si sono dati delle regole chiare, le regole del Pd quali sono?”. Secondo il giornalista Matteo Renzi racconta una realtà che non è percepita dai cittadini: “Non può andare tutte le sere in televisione a dire che la gente sta bene”. Michele Santoro torna a gamba tesa anche sulla mancata riforma della Rai, “una riforma senza costi, solo di idee”, dove, spiega l’ex conduttore, “si decide di mettere a lavorare il meglio che c’è perché ci sono dodici canali, c’è spazio per tutti” ma se si decide invece di far lavorare “solo chi è d’accordo, questo, crea sospetta su tutto il processo riformatore” conclude

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Virginia Raggi, festa con la base. Elettori M5s: “Ora recuperare le periferie e ripulire il centro”

next
Articolo Successivo

M5s, prime uscite pubbliche di Davide Casaleggio: dall’incontro con lo staff alla festa per la Raggi. “Non mi candido”

next