SARDEGNA. La conquista del porto di Cagliari – che stando alla riforma dovrebbe assorbire anche Olbia – scatenò la guerra tra Massimo Deiana, oggi assessore regionale ai Trasporti (Pd), e l’ex senatore del Pdl, oggi aspirante sindaco Piergiorgio Massidda. Pur di guidare il porto il berlusconiano rinunciò al Parlamento, ritrovandosi senza poltrona quando il Consiglio di Stato lo defenestrò per mancanza di competenze specifiche in curriculum. Sempre sui titoli si scatenò la polemica attorno a Fedele Sanciu, ex senatore del Pdl, promosso commissario dell’Authority di Olbia nonostante la terza media.

PUGLIA. Resiste Taranto, nonostante sia in piena crisi. Bari finora è nelle mani di Palmiro Mariani legato al gruppo di potere dalemiano-burlandiano che univa Puglia e Liguria

Il nuovo presidente del porto veneziano dovrà gestire 2,2 miliardi per realizzazione piattaforma offshore

VENEZIA. Paolo Costa, ex ministro ed ex sindaco di centrosinistra, sembra destinato a mollare la poltrona. Ha già svolto due mandati, anche se c’è chi pensa a una scappatoia: la nuova Autorità comprenderà Chioggia, quindi sarebbe una cosa nuova. Poi, come ha ricordato Il Secolo XIX, Costa è in pensione e quindi per legge non potrebbe ricoprire un incarico retribuito nella pubblica amministrazione. Stava già scaldando i motori Claudia Marcolin, attuale segretario generale, ma ecco affacciarsi sulla scena il sottosegretario all’Economia, Pierpaolo Baretta. Il nuovo presidente dovrà gestire la partita delle crociere. Non solo. C’è una battaglia da 2,2 miliardi, come ha raccontato La Nuova Venezia: la realizzazione della piattaforma offshore al largo della Laguna. Qui il carico delle grandi navi dovrebbe essere scaricato per essere smistato nei diversi porti. Un’opera faraonica che suscita preoccupazioni ambientali e tanti appetiti.

TRIESTE. È la città delle Generali, il porto del Friuli di Serracchiani. Oggi il commissario è Zeno D’Agostino, molto gradito al governatore.

Da Il Fatto Quotidiano del 10 maggio 2016
Di Maddalena Brunetti, Vincenzo Iurillo, Giuseppe Lo Bianco, Lucio Musolino, Ferruccio Sansa e Nello Trocchia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gasdotto Tap, i cantieri ancora non esistono ma lunedì scade il termine per l’avvio dei lavori

prev
Articolo Successivo

Corriere, per fermare Cairo i soci storici archiviano dissapori e offrono 282,7 milioni. Ma i primi soldi li mette Bonomi

next