Carlo Calenda ha giurato da ministro dello Sviluppo economico. La cerimonia al Quirinale, presieduta dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella insieme a Ugo Zampetti, segretario generale del Colle, e Roberto Corsini, consigliere militare. “Sarà una gestione del ministero il più possibile di squadra”, ha detto Calenda nella prima conferenza stampa a Palazzo Chigi dopo il giuramento al Quirinale. E ha aggiunto: “E’ un ministero complesso e serve una panchina lunga”.

Nelle stesse ore al ministro per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, è stata assegnata “la presidenza sulle adozioni internazionali e la delega per le pari opportunità”. Ad annunciarlo, nell’ambito della riattribuzione delle deleghe di governo, è stato il presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. Che ha aggiunto: “Adesso penso che la tematica delle pari opportunità debba trovare nuova linfa”. Nuove deleghe anche per Franca Biondelli (Pd), sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali. Tra queste le condizioni di conciliazione e mediazione delle controversie collettive di lavoro nel settore privato e la disciplina degli ammortizzatori sociali, dei trattamenti di integrazione salariale, dei trattamenti di disoccupazione e mobilità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd Basilicata, Lacorazza: “Io epurato perché a favore del referendum No Triv. E non mi sono ancora espresso su riforme”

next
Articolo Successivo

Unioni civili sono legge: M5s si astiene. Lega e Fdi contro. Renzi: “E’ un giorno di festa”. Le destre: “Referendum”

next