L’autorizzazione del glifosato in Europa
Il parlamento europeo L’autorizzazione a usare il glifosato all’interno dei confini dell’Unione europea scade a giugno. La decisione sul rinnovo o meno al suo utilizzo da parte della Commissione europea doveva arrivare l’8 marzo e una sua nuova autorizzazione per altri quindici anni sembrava scontata. Poi la pressione dell’opinione pubblica, delle associazioni, delle ong ha fatto venire i dubbi persino a Bruxelles che ha rinviato la “sentenza” a giugno. Nel frattempo il Parlamento europeo ha approvato un documento non vincolante in cui si chiede di rinnovare l’autorizzazione alla commercializzazione del glifosato per altri sette anni invece di quindici e di limitarne l’impiego solo ad attività professionali.

A cura di Lifegate

INDIETRO

Glifosato, le 7 cose da sapere su uno degli erbicidi più diffusi in agricoltura: cos’è, dov’è, i rischi, cosa dicono le ricerche

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dissesto idrogeologico: come smacchiare il giaguaro

next
Articolo Successivo

Pfas Veneto, lo studio: “1.260 morti in più in trent’anni. Rischi per la salute”

next