E’ l’ora dei test Invalsi. Dal 4 maggio, nelle scuole di tutt’Italia, iniziano le prove standardizzate elaborate dall’istituto per la valutazione del sistema educativo di istruzione. Sei date, circa 10mila plessi coinvolti, 2,2 milioni di studenti testati e 30mila insegnanti impegnati per sei prove che verranno fatte nelle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado per misurare le competenze e le conoscenze di italiano e matematica dei nostri ragazzi allo scopo di “migliorare, da un lato, l’efficacia della scuola per le fasce più deboli della popolazione scolastica e, dall’altro, di far emergere e diffondere le esperienze di eccellenza presenti nel Paese”, com’è scritto nel manuale del somministratore di quest’anno. Ufficialmente l’Invalsi non misura le abilità e le capacità degli insegnanti. Non serve a dare voti alle scuole e tanto meno ai ragazzi.
I primi ad affrontare i quiz saranno i bambini delle classi seconde e quinte delle elementari, che saranno sottoposti alla prova di italiano. Il giorno dopo, gli stessi alunni dovranno rispondere alle domande di matematica. Il 12 maggio toccherà agli studenti delle classi seconde delle superiori che dovranno affrontare le prove sia di italiano sia di matematica. Infine, per i ragazzi di terza media, l’Invalsi sarà fatto direttamente in occasione dell’esame di Stato il 17 giugno e il punteggio ottenuto andrà a comporre il voto finale.

Test Invalsi 2016 al via per 2 milioni di studenti. Ecco come funzionano le prove

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scuola, ipotesi Grande fratello in un asilo di Bari: “I genitori guarderanno i figli con una webcam”

prev
Articolo Successivo

Scuole paritarie, il governo vuole stanziare 12 milioni per gli alunni disabili. Ed è polemica: “Discriminazione”

next