La Rai ha chiuso il 2015 con una perdita di 25,6 milioni di euro, in diminuzione rispetto al rosso di 175,8 milioni del 2014. I ricavi ammontano complessivamente a 2,49 miliardi di euro contro i 2,48 miliardi del 2014 e sono costituiti da canoni per 1,6 miliardi, da pubblicità per 658,8 milioni e da altri ricavi per 196,8 milioni. I ricavi da canone sono saliti di 49,4 milioni in seguito ai “provvedimenti legislativi intervenuti in materia nel corso del 2014 e del 2015”. Partirà invece solo da luglio la raccolta del tributo attraverso le bollette elettriche.

I ricavi pubblicitari si riducono per circa quasi 15 milioni di euro. Senza tener conto dei ricavi legati ai grandi eventi sportivi che avevano caratterizzato l’esercizio 2014 la performance nel segmento televisivo (+2,5%) è risultata superiore a quella del mercato (+0,7%). I costi operativi si riducono di 107,6 milioni di euro (-5,2%), passando da 2 miliardi a 1,9, “in gran parte per l’assenza negli anni dispari di grandi eventi sportivi” il cui impatto nel 2014 è stato pari a 94,6 milioni.

Per effetto della riduzione di ammortamenti e svalutazioni, il risultato operativo consolidato è migliorato di 141,2 milioni di euro. A livello di risultato netto cresce a 150,2 milioni di euro, anche per effetto della riduzione degli interessi passivi grazie all’emissione, nel 2015, di un prestito obbligazionario. La posizione finanziaria netta di gruppo si attesta a -362,4 milioni. Il bilancio d’esercizio 2015 della capogruppo si chiude con una perdita di 46 milioni.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina, Apple perde l’esclusiva sul nome iPhone: via libera al marchio su portafogli e borse

next
Articolo Successivo

Uber, l’ex commissario Ue alla concorrenza Kroes diventa consigliere: “Deve imparare a comunicare”

next