Berlusconi appoggia Marchini a Roma? E’ fin troppo semplice da leggere, Renzi e Casini chiamano, Berlusconi risponde. Ha optato per il candidato di Renzi, Alfano e Casini“. E’ il commento a caldo, pronunciato ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus) dal segretario della Lega, Matteo Salvini, a proposito del nuovo coup de théâtre sul nome di Forza Italia nella corsa al Campidoglio. “La scelta di Marchini parla chiaro” – continua Salvini – “lui ha già detto che sosterrebbe il Pd in caso di ballottaggio. Quella di Berlusconi è una scelta chiara, che rompe il centrodestra. Per me è anche più semplice la campagna elettorale a Roma, l’unica candidata di centrodestra in campo è Giorgia Meloni“. E aggiunge: “Poi bisogna vedere se la decisione di Berlusconi dura almeno sei ore, visto che nell’ultima settimana ha già cambiato idea parecchie volte. Fino a ieri c’era Bertolaso che era un genio, che avrebbe risolto tutti i problemi di Roma, guai a chi lo toccava e Salvini era il cattivo che non lo capiva. Ora lo scarica anche lui, per sostenere Marchini, il candidato di Casini e di Alfano. Giudicheranno i romani, la Meloni arriverà al ballottaggio, anche senza Berlusconi”. All’ipotesi di Marchini al ballottaggio, il capo del Carroccio scoppia in una fragorosa risata e spiega: “Marchini piglia la metà dei voti di Meloni. C’è stato un messaggio chiaro di Renzi, che ha parlato di legge sui diritti televisivi e di calcio in tv, poi c’è stato il messaggio di Casini, che ha invitato Berlusconi a tornare con Verdini e Alfano per appoggiare Renzi“. Poi chiosa: “Saranno i romani a decidere se vogliono gli inciuci, le frittate, le marmellate, oppure risolvere davvero i propri problemi. Probabilmente Berlusconi ha nostalgia di Renzi, che controlla tutto e tutti. La partita a Roma è a tre, tra Meloni, Giachetti e Raggi. Marchini non è neanche lontanamente in partita

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prescrizione, ok della commissione Giustizia al Senato: testo unico con la riforma del processo penale

next
Articolo Successivo

Renzi in diretta su Facebook con De Luca. Si dimenticano di parlare dell’indagine per camorra su Graziano

next