“A un certo punto ho pensato: non posso arrivare alla pensione senza aver dato il mio contributo alla lotta contro il cancro”. A parlare è Muller Fabbri, oncologo di 43 anni, nato a Faenza e cresciuto a Forlì (al centro nella foto, insieme ad alcuni colleghi). Dopo la laurea in medicina a Pisa, ha ottenuto un impiego in ospedale ma, nonostante l’amore per il suo lavoro, c’era qualcosa che non tornava: “Quando andavo ai meeting scientifici sui tumori sentivo dire che con la stessa zuppa di farmaci, combinati in maniera diversa, si era avuto un incremento della sopravvivenza di due settimane e tutti gridavano al miracolo”. Ma per lui, che fino a quel momento aveva vissuto la sua battaglia quotidiana a fianco dei pazienti, non era abbastanza. Voleva dire la sua sulla malattia. Così, nel luglio del 2003, ha preso i bagagli ed è volato negli Usa per fare ricerca: “Il mio primario mi chiese se volevo andare per un anno a Philadelphia, alla Thomas Jefferson University – ricorda -, ho accettato con grande entusiasmo, perché mi sembrava la risposta a tutti i miei dubbi”.

Gli inizi non sono stati facili: “Non mi vergogno a dire che il primo giorno non sapevo usare nemmeno una pipetta – ammette -, e spesso dopo una giornata passata a fare esperimenti mi chiedevo se tutto questo avesse un senso”. Ma l’ambiente e le motivazioni l’hanno spinto a dare il meglio: “Mi sono messo in gioco – ricorda – e ho avuto la fortuna di trovarmi nel laboratorio del professor Croce in anni di estrema eccitazione scientifica”. Trascorso un anno, era pronto per tornare in Italia: “Avevo imparato molto e mi mancavano i pazienti – spiega –, ma il professore mi ha chiesto di restare di più per portare avanti il mio lavoro e io ho accettato”.

L’equipe si sposta da Philadelphia a Colombus, Ohio. Ed è qui che arriva la svolta nella sua carriera; nel 2009 vince il premio Kimmel Scholar Award come miglior ricercatore giovane Usa e nel frattempo porta avanti i suoi studi sul ruolo dei geni nello sviluppo dei tumori: “Abbiamo fatto varie scoperte in quegli anni, ma quella di cui vado più orgoglioso è aver dimostrato che i MicroRNA (polimeri codificati dal DNA nucleare eucariotico) funzionano come ormoni che le cellule tumorali utilizzano a loro vantaggio”, racconta. Lavoro che gli è valso una pubblicazione sulla rivista Science, che l’ha dichiarata una delle due scoperte chiave nel meccanismo di azione dei MicroRNA.

Negli Stati Uniti, però, non ci si può fermare mai: “Qui se vuoi crescere devi cominciare a camminare sulle tue gambe”, sottolinea. Così Muller ha iniziato a mandare curriculum a varie università, ottenendo un incarico da ricercatore al Children’s Hospital di Los Angeles: “Qui insegno e porto avanti i miei esperimenti – spiega -, al momento stiamo facendo ricerca sul microambiente tumorale”.

In tutti questi anni, però, non ha mai tagliato i ponti con l’Italia, anzi: “Ho sempre portato avanti la mia collaborazione con l’Irst, l’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori, dove sono direttore del Gruppo non-coding RNA, e due volte l’anno torno per seguire da vicino il lavoro dell’equipe italiana – spiega -. Il mio primario ha avuto l’intelligenza di capire che la soluzione vincente è mantenere una stretta collaborazione con gli Usa”. Anche perché il nostro Paese non offre le stesse possibilità: “In Italia ci sono delle splendide menti, ma non riescono a emergere perché le risorse, che ci sarebbero anche, non vengono investite correttamente”, ammette.

E poi c’è il problema della meritocrazia: “Anche negli Stati Uniti ci sono situazioni in cui si va avanti per conoscenze, ma alla fine dei giochi è il merito che conta – sottolinea -. Se non lavori bene ti tolgono i fondi”. Una realtà provvisoria, dunque, “ma che ti spinge a essere creativo e a dare sempre il massimo”, ammette. Anche perché sei l’unico responsabile del tuo lavoro: “Fin dal primo giorno potevo disporre dei fondi in maniera indipendente – ricorda -, in Italia avrei dovuto chiedere milioni di autorizzazioni e perdere chissà quanto tempo”.

Due realtà opposte, anche dal punto di vista accademico: “Nel nostro Paese se vuoi crescere devi per forza restare attaccato al tuo professore, mentre qui è l’esatto opposto, ti spingono a trovare la tua strada”, spiega. Per farlo servono due doti: “Bisogna credere nelle proprie idee e pensare sempre al di fuori degli schemi, nella vita come nel lavoro – sottolinea -, è importante sperimentare e andare oltre i libri: qualche volta si sbaglia, qualche volta no”. E a un giovane che sogna di dare un contributo alla ricerca, cosa consiglia?: “Non vedete frontiere in nessun senso, andate dove volete, l’importante è trovare un ambiente di lavoro eccellente – ammette – e se riuscite a trovarlo in Italia allora restate e continuate a remare per il nostro Paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giardiniere in Italia diventa musicista in India. “Con la crisi ho perso tutto e ora sono il boss di me stesso”

next
Articolo Successivo

“A New York vogliamo sradicare la cucina italo-americana, che ha rovinato il nostro cibo”

next