Basta una scintilla e le acque del Condamine, un fiume del Queensland (Australia), prendono misteriosamente fuoco. Non si tratta di un fenomeno naturale ma di un accumulo anomalo di gas metano dovuto all’estrazione con la tecnica del fracking, vale a dire  la fratturazione idraulica. Nelle vicinanze del fiume c’è un sito di trivellazione e il gas deve essere filtrato attraverso le rocce finendo nel Codamine. La denuncia è partita da , un membro del partito dei Verdi del New South Wales, che ha pubblicato questo video sul suo profilo Facebook dove afferma di sentirsi preoccupato: “Le emissioni incontrollate provenienti dall’industria del gas potrebbero avere un ruolo importante nel cambiamento climatico

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brescia, mancano i soldi per la bonifica Caffaro. Sindaco scrive alla Regione: “Limitare le aree contaminate”

next
Articolo Successivo

Pannolini lavabili? Quanto risparmiamo non usando gli usa e getta

next