“Vediamo che cosa c’è scritto in queste carte, per il momento è difficile parlare”. Marcello Coffrini è stato l’ultimo sindaco di Brescello prima dello scioglimento per infiltrazioni mafiose, decretato dal governo il 20 aprile. La relazione che ha portato alla decisione, la prima del genere in Emilia-Romagna, parla di “accertate forme di condizionamento della vita amministrativa da parte della criminalità organizzata”. “Non credo ci siano state queste cose”, replica Coffrini, eletto nel 2014 in quota Partito democratico. Nei precedenti 10 anni era stato assessore all’urbanistica. Mentre tra il 1985 e il 2004 sindaco era stato suo padre. “Credo che adesso l’unica cosa da fare sia aspettare. Per chi è sempre stato attaccato – spiega Coffrini – arriva il momento in cui si deve difendere e magari il momento è arrivato” di David Marceddu e Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brescello, parla l’ex consigliera comunale: “Minacciata per il mio rifiuto di candidare persone in odor di mafia”

next
Articolo Successivo

Milano, pugni e schiaffi ai degenti: un arresto e tre indagati. Il video choc

next