Sono due gli scialpinisti che questa mattina hanno perso la vita sotto una valanga che si è staccata nei pressi del Rifugio degli Angeli, sul Ruitor, in Valgrisenche (Aosta). Le operazioni, condotte dal Soccorso alpino valdostano e dalla guardia di finanza di Entreves, hanno permesso di estrarre i corpi delle vittime a 3.300 metri di quota e di riportarli a valle.

La notizia arriva a poco più di 24 ore dalla morte di Estelle Balet, snowboarder di 21 anni e campionessa mondiale di freeride, travolta da una slavina mentre era impegnata nelle riprese di un film sulle Alpi svizzere. Sempre in Valgrisenche, a 3.300 metri, il 18 aprile aveva perso la vita una donna francese. Era in compagnia della guida alpina Alexis Mallon, di Sallanches (Alta Savoia), che ha riferito: “È stato un incidente, non posso dire altro”. I due sono stati travolti dalla neve, ma mentre la donna è finita in un crepaccio, dove è morta, l’uomo è riuscito a riemergere in poco tempo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, raffiche di kalashnikov contro la stazione dei Carabinieri di Secondigliano

next
Articolo Successivo

25 aprile, niente Anpi alla festa di Corsico. Il sindaco di centrodestra: “Rischio di demagogia”. I colleghi: “Ripensaci”

next