Questa mattina, alle 8.45, i volontari del centro Baobab hanno occupato l’ex stabilimento Ittiogenico nei pressi della stazione Tiburtina, a Roma. Lo stabile, in abbandono da diversi anni, doveva diventare per i volontari dell’ex centro di via Cupa, luogo simbolo dell’accoglienza profughi a Roma chiuso dal prefetto Tronca il 15 dicembre 2015, il nuovo centro per migranti e transitanti in arrivo a Roma. L’iniziativa, sostenuta da diverse associazione, tra le quali Medu e Arci, è stata subito bloccata dall’intervento delle forze dell’ordine che hanno sgomberato l’ex stabilimento con la forza. “Adesso pianteremo delle tende in via Cupa per far dormire i migranti e scriveremo una lettera per richiedere questo spazio”, spiega Viola De Andrade Piroli, volontaria del centro. “Non sappiamo quale sia la posizione del prefetto, per il momento c’è una richiesta del centro Baobab ma il Comune deve prendere in mano la delega all’accoglienza e se non lo fa siamo in una condizione complicata”, conclude Marta Bonafoni, consigliera regionale Sel

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lesbo, Papa ai migranti: “Porto con me il vostro dolore”. Bimbo gli regala disegno: “Lo metto sulla scrivania”

prev
Articolo Successivo

Gran Sasso, tunnel chiuso dopo incendio di un pullman. Passeggeri evacuati nei rifugi di sicurezza

next