In Toscana è diventata quasi un’emergenza, in Lombardia i casi sono in aumento, gli ultimi episodi sono stati  ancora nel “consueto” triangolo Firenze-Empoli-Pistoia, ma nell’ultimo mese se ne sono registrati anche a Sassari e a Modena. La meningite ora non diventa più un problema del ministero della Sanità, ma anche del ministero dell’Istruzione. Se in alcuni casi è stato dato il via a campagne di vaccinazione (gratis per alcune fasce d’età), ora gli appelli si moltiplicano anche negli uffici scolastici regionali. In Toscana, in particolare, nei 14 mesi tra il gennaio 2015 e il febbraio 2016, ci sono stati 43 casi di meningite C, di cui 10 fatali, contro i due del 2014 e i 3 nel 2013, come dice uno studio pubblicato da Eurosurveillance. Tra gli autori del report, anche il direttore del dipartimento Malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, Gianni Rezza. Ilfattoquotidiano.it lo ha intervistato per fare il punto della situazione: come riconoscere i sintomi, quali precauzioni prendere. E ha scoperto che, oltre alle vaccinazioni, contano anche semplici regole di buon senso. Come, per esempio, aprire le finestre.

Primo punto da sapere: “Quando noi parliamo di meningite – esordisce Rezza – facciamo riferimento in questo caso alla meningite da meningococco. In alcuni casi provoca meningite vera e propria, in altri dà una setticemia, un’infezione generalizzata”.

Meningite, tutto quello che c’è da sapere: sintomi, precauzioni e luoghi da evitare

AVANTI

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pasqua 2016, 250mila italiani in gita con il camper. L’agriturismo star delle vacanze

next
Articolo Successivo

“Croce di Cristo”, la preghiera-invettiva di Papa Francesco. Il testo integrale

next