“Je suis Charlie, je suis Paris, je suis Bruxelles”. La vignetta di Vauro dopo gli attentati a Bruxelles, dove sono state uccise 31 persone. Oltre 260 i feriti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, l’Unione Europea muore a Idomeni

next
Articolo Successivo

Attentati Bruxelles. Belgio dopo Francia, Germania e Russia: l’Isis risponde a chi lo contrasta in Siria e Iraq

next