Papa Francesco sempre più social. Dopo Twitter e Telegram sbarca anche su Instagram condividendo la prima foto sul suo account ufficiale @Franciscus e sbancando subito con decine di migliaia di seguaci. “Inizia un nuovo cammino, in Instagram, per percorrere con voi la via della misericordia e della tenerezza di Dio”, ha spiegato il Pontefice via Twitter. La prima immagine postata su Instagram ritrae Francesco inginocchiato in preghiera. Una data non casuale, quella scelta da Bergoglio, che proprio nella festa di san Giuseppe del 2013 celebrava la messa di inizio pontificato. Dopo l’account Twitter @Pontifex che conta più di 25 milioni di seguaci in nove lingue, l’iscrizione via iPad alla Giornata mondiale della gioventù di Cracovia e il messaggio per la Quaresima inviato su Telegram , Francesco si conferma un Papa social.

“Instagram – ha spiegato monsignor Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la comunicazione della Santa Sede – aiuterà a raccontare un pontificato attraverso le immagini per far entrare nei gesti di tenerezza e di misericordia tutte le persone che vogliono accompagnare e conoscere il pontificato di Papa Francesco. Sceglieremo alcune foto del Servizio fotografico dell’Osservatore Romano, cercando di ritagliarne alcuni dettagli. Così possiamo fare vedere quegli aspetti di vicinanza e di inclusione che Papa Francesco vive quotidianamente”. Monsignor Viganò, regista della riforma dei media vaticani, ha sottolineato anche che non è casuale che Bergoglio sia approdato su Instagram proprio durante il Giubileo straordinario della misericordia in corso: “Così l’Anno Santo entrerà nei social media in un modo molto concreto e naturale”. La sezione dei social della Segreteria per la comunicazione curerà la gestione dell’account Instagram del Papa che sarà utilizzato per condividere non solo le foto ma anche brevi video.

Twitter: @FrancescoGrana

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Liguria, frana sulla Aurelia. Ferita una coppia: il marito ricoverato in gravi condizioni, operato alla testa

prev
Articolo Successivo

Torino, fiamme nella notte al bar Sweet, punto di ritrovo storico dei tifosi granata

next