Abbassare le tasse universitarie e creare una “no tax area” perché chi ha difficoltà economiche possa comunque studiare. E’ questa la campagna del Movimento 5 stelle che ha organizzato una raccolta firme in tutta Italia. In occasione del “Firma Day” sono stati allestiti banchetti davanti alle università di sedici regioni, dalla Campania alla Sardegna.

I grillini provano così a strutturarsi e farsi conoscere anche nell’ambiente studentesco italiano in vista delle elezioni amministrative e non solo. Il M5s, dopo la nascita del direttorio, ha previsto un responsabile delle battaglie nel mondo universitario e scolastico in generale: Carlo Sibilia. Il Firma Day è la prima iniziativa a livello nazionale.

I 5 stelle con questa iniziativa chiedono, si legge in una nota, che “Stefania Giannini e il governo non ostacolino più i lavori del Parlamento che da due anni stanno tenendo in naftalina la proposta di legge M5S con la quale si chiede l’abbassamento delle tasse universitarie e l’istituzione di una ‘no tax area’”. Secondo i grillini proprio il costo dello studio bloccherebbe l’accesso agli atenei: “L’Italia è ultima tra i Paesi Ocse”, continua il M5s, “per numero di giovani laureati e, dal 2010 al 2015, la percentuale di iscritti negli atenei è scesa del 6,5 per cento, mentre nello stesso periodo le università hanno perso quasi il 15% delle proprie entrate strutturali. Non bastasse, le nostre tasse universitarie sono più alte della media europea. Il sapere e una buona formazione stanno diventando sempre di più un lusso per pochi e il Movimento vuole invertire questa tendenza che sta impoverendo il nostro Paese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’irresistibile fascino del mattone accademico nel petaloso Human Technopole

prev
Articolo Successivo

Vendola padre, ‘Maestro, perché Tobia ha due papà e non ha una mamma?’

next