Nuova cinquina di film in uscita nelle sale italiane, commentati dal critico cinematografico Massimo Bertarelli nella sua rubrica Critical Max. Il primo lungometraggio recensito è “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti. Entusiastico il giudizio di Bertarelli: “E’ la vera sorpresa della settimana, un piccolo capolavoro, un gioiellino di umorismo e di azione. E’ un film-fumetto che parla di un borgataro romano, interpretato da Claudio Santamaria, che si tuffa nel Tevere per sfuggire a due individui che lo vogliono pestare e poi riemerge, trovandosi improvvisamente dotato di una forza sovrumana. Il pezzo forte del film” – continua – “è la ragazza del piano di sopra, una bravissima Ilenia Pastorelli, che scambia davvero il protagonista per il suo eroe dei fumetti. Il trio d’attori (Santamaria, Marinelli e Pastorelli) funziona benissimo e il film è di un divertimento unico. Da vedere a tutti i costi“.

Tiepido il commento su “Tiramisù”, che vede il debutto di Fabio De Luigi alla regia: “Il film è proprio inconsistente, è una commediola così così, in cui si ride davvero poco e comunque molto meno del previsto”.

Consigliato dal critico, invece, è il thriller “Good Kill” di Andrew Niccol, con Ethan Hawke e January Jones: “E’ un film avvincente, che avrà sicuramente successo, anche se ha qualche lungaggine. La storia è incentrata su un pilota di droni e contiene anche un tema morale”.

Positivo anche il giudizio su “Amore, furti e altri guai” di Muayad Alayan: “E’ uno dei rarissimi film palestinesi che arrivano da noi: è in bianco e nero, con un titolo un po’ ermetico, ma la storia è divertente e spiritosa. E’ un lungometraggio grottesco nel senso pieno della parola. Il film è spigliato, si vede volentieri, dura poco, per cui si può anche consigliare”.

Fortemente critico, infine, il commento di Bertarelli sul film cileno “Il club”, firmato da Pablo Larrain e vincitore dell’Orso d’argento alla Berlinale 2015: “E’ l’ultimo film della settimana, e intendo ultimo in tutti i sensi. E’ un melodrammone scabroso, pesante, cupo. E’ da brividi. Di disgusto, anche. La trama verte su una casa-prigione in cui sono rinchiusi quattro preti e una suora, che devono espiare le gravissime colpe commesse in passato, come abusi su minori e vendite di bambini. Il film è di una lentezza esasperante, una roba da scappar via a gambe levate. Sconsigliatissimo”.

Regia di Samuele Orini, testo di Gisella Ruccia, collaborazione di Simona Marfè

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oscar 2016, dalla sceneggiatura all’animazione, i favoriti: Inside Out, il Figlio di Saul, Amy e Il caso Spotlight

next
Articolo Successivo

‘Fuocoammare’, anche la canzone è un gioiello prezioso

next