Inside Out, Il Figlio di Saul. E perché no, il nostro Ennio Morricone di cui già si è scritto molto ma forse mai abbastanza. Ci sono Oscar “annunciati” meno glamour e tuttavia non meno importanti o significativi di altri, tanto per chi li riceve quanto per il bene della storia del cinema. Quelli sopra elencati sono solo alcuni dei fortissimi candidati quest’anno dall’Academy che al 99% si porteranno a casa la statuetta.

Nella categoria Film d’animazione difficilmente il nuovo capolavoro della Pixar Animation Studios e diretto da Pete Docter & Jonas River non conquisterà il suo Oscar (il 13° per la Pixar..), considerando il fatto che accanto alla nomination come miglior cartone, Inside Out corre anche nella categoria miglior sceneggiatura originale. Il film è stato un vero e proprio fenomeno mondiale per il successo di critica e pubblico ottenuto, e questo fin dalla sua premiére fuori concorso all’ultimo Festival di Cannes. Purtroppo per lui, il pur valido e originale Anomalisa del regista cult Charlie Kaufman, ha speranze quasi nulle di vittoria.

Oscar 2016, dalla sceneggiatura all’animazione, i favoriti: Inside Out, il Figlio di Saul, Amy e Il caso Spotlight

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Oscar 2016, i candidati al premio per il miglior film. Opere interessanti ma non c’è il capolavoro

prev
Articolo Successivo

I film in uscita visti da Bertarelli: “Lo chiamavano Jeeg Robot? Piccolo capolavoro, da vedere a tutti i costi” (VIDEO)

next