Perché vincere l’odio? Perché l’odio è brutto per noi di Elio e Le Storie Tese“. Gli Elii presentano così “Vincere l’odio”, il brano non-sense con cui sono in gara a Sanremo 2016. Ma la domanda che tutti i fan del gruppo milanese si pongono è: perché sul palco non ci sarà Rocco Tanica, storico membro della band? La risposta arriva in conferenza stampa quando gli Eelst si presentano in formazione completa: “Ci sono versioni diverse sull’accaduto e quelle false sono più belle della verità”, dice Elio. “Però voglio smentire la ricostruzione secondo cui io non sarò sul palco dell’Ariston perché stufo delle continue liti tra Elio e Morgan. Non è così, anche se Elio e Morgan come tutte le coppie omo-genitoriali hanno i loro alti e bassi”, aggiunge Rocco Tanica, portando il discorso sul dibattito intorno alle unioni civili che aleggia sul Festival.

Sergio Conforti (questo il vero nome di Rocco Tanica) è in realtà impegnato per il secondo anno come inviato in Sala Stampa durante le dirette del Festival. “La verità è che per fare la rassegna stampa Rocco prende il grano – spiega Elio scherzando – per suonare con noi no. Dopo che abbiamo scritto la canzone, Rocco Tanica si è accorto che aveva firmato già con Carlo Conti. Sono più interessanti le versioni false di quella vera”.

“Nel settembre del 2015 – aggiunge Rocco Tanica – ho ricevuto da Giancarlo Leone la proposta di occuparmi del siparietto che va in onda alle 23.30 dopo il Festival, dove mi occupo di rassegna stampa. Ho risposto sì a questo appello: all’epoca non avevamo ancora scritto la canzone e quando è stata accettata ho pensato che fosse coerente rimanere al primo impegno preso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2016, Nino Frassica: “Qui nei panni del maresciallo Cecchini. So chi vincerà il festival” (VIDEO)

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2016, Ellie Goulding è il superospite di stasera: cantautrice britannica ‘da 50 sfumature di grigio’ (e molto altro) (FOTO)

next