Quando ho letto che alcuni brigatisti, pm e familiari delle vittime si sono incontrati per «diradare le nuvole», speravo di leggere qualche inedita informazione sul caso Moro o sul sequestro Cirillo. In realtà si dava conto del percorso di “giustizia riparativa” intrapreso da alcune persone e delle opposizioni, dentro e fuori la Magistratura, ad una richiesta di ospitalità dei protagonisti di quel percorso.

Premetto: la definizione “anni di piombo” è fuorviante e sostanzialmente sbagliata. Forse sarebbe più appropriato definirli “anni affollati”, come da anni suggeriscono le studiose Cinzia Venturoli e Ilaria Moroni. Basti pensare alle riforme progressiste realizzate negli anni 70. Forse il decennio più “lungo” del Novecento.

Sull’incontro tra carnefici e vittime di cui leggo sui giornali, penso sia necessario tenere presente che per tanti altri familiari di vittime e feriti (parenti 2 agosto o uno bianca, per esempio) la premessa è: “Volete incontrarci? Prima raccontate ai magistrati quello che ancora non avete raccontato”. E questo vale per i membri delle Br, di Ordine Nuovo, dei Nar, come per i fratelli Savi (sebbene questi ultimi non siano formalmente catalogati alla voce “terroristi”, pur avendo seminato terrore tra il 1987 e il 1994), ecc.

Pertanto, pur rispettando il percorso individuale di persone eccezionali come Manlio Milani e Agnese Moro, bisogna fare attenzione al rischio di voler dare alle loro scelte un valore esemplare. Tanti altri rifiutano parole come “incontro”, “riconciliazione” o “perdono”. Come biasimarli?

Strage bologna 6

In assenza dell’ammissione di tutte le proprie responsabilità, il sospetto che certi ex terroristi vadano alla ricerca di uno sconto di pena – e/o di una “riabilitazione” pubblica – è legittimo.
Il fatto che Francesca Mambro e Giusva Fioravanti siano liberi da anni, pur non avendo collaborato con i magistrati per fare piena luce sulla strage del 2 agosto, la dice lunga. Si può anche decidere di abolire l’ergastolo. Ma cosa c’entrano la funzione rieducativa della pena e la “giustizia riparatrice” quando a due terroristi neofascisti, mai pentiti, viene concesso di sposarsi e procreare in carcere, ripulirsi l’immagine – grazie, tra gli altri, al “compagno radicale” Sergio D’Elia, anch’egli condannato in quanto complice di un omicidio, e all’associazione Nessuno tocchi Caino – e, infine, uscire dal carcere dopo nemmeno 20 anni di reclusione, nonostante 7/8 ergastoli?

Non dimentichiamo che l’ordinovista Vincenzo Vinciguerra, unico reo confesso per una strage (Peteano, 31/5/1972), è ancora in carcere. Pur avendo fornito alla magistratura informazioni importanti. Come sempre il nocciolo della questione sembra stare nei due pesi e due misure.

Facciamo attenzione alle domande che decidiamo di porci. Chi sono i vinti e i vincitori di quella stagione controversa? Lo Stato? L’Antistato? La democrazia? Le mafie? Tina Anselmi o Giulio Andreotti? Berlinguer o Napolitano? Perché dell’importantissima sentenza di fine luglio su Piazza Loggia non si scrive e non si parla sui giornali e in tv? Quanti italiani sanno chi è Carlo Maria Maggi e cos’era Ordine Nuovo? Chi era lo specialista coinvolto nel commando che sparò in via Fani? Perché le BR non hanno mantenuto la promessa di raccontare al popolo tutti i segreti raccolti nei successivi 54 giorni? Quei simpatici professori della seduta spiritica ci faranno la cortesia di dirci la verità su cosa si dissero la sera in cui a Bologna qualcuno sussurrò la parola “Gradoli”? Siamo disposti a credere che dietro l’omicidio di Marco Biagi ci siano solo le cosiddette “Nuove Brigate Rosse”?

Naturalmente alcune domande dovrebbero chiamare in causa anche le forze politiche, non solo i terroristi. Perché, nonostante il grave fallimento come ministro degli Interni, Francesco Cossiga prima divenne Presidente del Consiglio poi, nel 1985, Presidente della Repubblica al primo colpo, anche con i voti del Pci orfano di Berlinguer (eccetto alcuni indipendenti di sinistra che votarono Norberto Bobbio)?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Montedison, pene dimezzate agli ex manager condannati. E le famiglie di due operai morti devono pagare le spese

next
Articolo Successivo

Capotreno aggredito col machete a Milano, condannati tre latinos della gang Mara Salvatrucha. Pene fino a 16 anni

next