Gasparri? E’ inconcepibile come lui non riconosca neanche le emozioni degli altri. E’ una malattia questa: non riconoscere i sentimenti del prossimo. E’ una patologia e lui ne soffre. Penso che Gasparri debba crescere”. Sono le parole del deputato del Movimento 5 Stelle, Matteo Dall’Osso, ospite di Ecg Regione, su Radio Cusano Campus. Il parlamentare pentastellato due giorni fa ha pronunciato in Aula, alla Camera, una dura reprimenda indirizzata al senatore di Forza Italia, che all’inviato Enrico Lucci de Le Iene (Italia Uno) aveva dato dell’handicappato. “Chi segue la politica” – continua Dall’Osso – “è indignato quanto me. Gasparri non ha ancora capito la differenza tra handicappato e disabile. Per me non è stato semplice mandare a quel paese il vicepresidente del Senato. Ma immaginate se fosse successo al M5S e se una cosa del genere fosse stata detta dal nostro vicepresidente della Camera. M’immagino tutti i giornaloni coi super-titoloni e invece con Gasparri è stato insabbiato tutto“. E aggiunge: “Sto ricevendo tantissimi attestati di stima da parte di tutti, disabili e non. Gasparri si deve dimettere. Basta, non se ne può più. Il bello è che continua ancora: su twitter ha scritto che siamo capaci solo di offendere (“Alè, grullini, vivete per insultare”, ndr). Posso capire che per lui sia stata una battuta, ma è molto di più: lui è una carica pubblica, non può permettersi di dire queste cose”. Poi chiosa: “Più di 10 anni fa, in Giappone, il ministro dei Trasporti si scusò pubblicamente davanti alla telecamere perché la somma dei ritardi di tutti i treni in un anno era di 12 secondi. E invece noi abbiamo Gasparri. Lui si deve dimettere, vergognarsi e sparire

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unioni Civili, senatore Giovanardi (Gal – Idea): “Il testo è incostituzionale come mia legge su droga”

next
Articolo Successivo

Elezioni Napoli 2016, Riesame conferma richiesta di arresto per senatore De Siano. E Forza Italia teme per la corsa di Lettieri

next