Yahoo! ha dato il via al piano di ristrutturazione aziendale annunciato nei giorni scorsi per far fronte alle perdite del 2015. I primi a pagare le conseguenze della riduzione del 15% della forza lavoro, cioè circa 1700 persone, saranno gli uffici di Milano, Madrid, Buenos Aires, Città del Messico e Dubai, costretti a chiudere i battenti. La società americana ha definito il piano strategico “aggressivo” ma necessario per migliorare la redditività e “accelerare la trasformazione di Yahoo!”, ma soprattutto per correre ai ripari dopo il trimestre chiuso in rosso.

L’obiettivo dell’azienda per la fine del 2016 è quello di ridurre le spese operative di oltre 400 milioni di dollari e aumentare le entrate provenienti da operazioni mobili, video e social network fino a 1,8 miliardi di dollari. Una scelta che si lega all’annuncio, dato mercoledì mattina dall’amministratrice delegata Marissa Mayer, di perdite per 4,359 miliardi di dollari nell’anno appena passato, pari a 3,995 miliardi di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Disabili e lavoro, ricorso alla Ue contro il Jobs act: “Discrimina i più gravi”

next
Articolo Successivo

Fiat Chrysler, bonus di 990 euro ai dipendenti italiani per i risultati 2015

next