Yahoo! ha dato il via al piano di ristrutturazione aziendale annunciato nei giorni scorsi per far fronte alle perdite del 2015. I primi a pagare le conseguenze della riduzione del 15% della forza lavoro, cioè circa 1700 persone, saranno gli uffici di Milano, Madrid, Buenos Aires, Città del Messico e Dubai, costretti a chiudere i battenti. La società americana ha definito il piano strategico “aggressivo” ma necessario per migliorare la redditività e “accelerare la trasformazione di Yahoo!”, ma soprattutto per correre ai ripari dopo il trimestre chiuso in rosso.

L’obiettivo dell’azienda per la fine del 2016 è quello di ridurre le spese operative di oltre 400 milioni di dollari e aumentare le entrate provenienti da operazioni mobili, video e social network fino a 1,8 miliardi di dollari. Una scelta che si lega all’annuncio, dato mercoledì mattina dall’amministratrice delegata Marissa Mayer, di perdite per 4,359 miliardi di dollari nell’anno appena passato, pari a 3,995 miliardi di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Disabili e lavoro, ricorso alla Ue contro il Jobs act: “Discrimina i più gravi”

next
Articolo Successivo

Fiat Chrysler, bonus di 990 euro ai dipendenti italiani per i risultati 2015

next