Sono 219 su 87.504, lo 0,25%, i soci di Veneto Banca che hanno esercitato il diritto di recesso al momento della trasformazione dell’istituto in società per azioni. Ma il loro legittimo recesso rimane del tutto teorico: la banca guidata da Cristiano Carrus, avendo un deficit di capitale, ha infatti stabilito (come consente il decreto sulle banche popolari varato l’anno scorso dal governo) che per ora non riacquisterà i titoli. Gli azionisti che puntavano a riavere almeno una parte dei soldi investiti dovranno quindi attendere l’aumento di capitale e la quotazione in Borsa. Ma intanto il controvalore delle azioni della banca è stato fissato in 7,3 euro l’una, l’81% in meno rispetto al valore attribuito al titolo dal consiglio di amministrazione e approvato dall’assemblea nel 2014.

In questo quadro il presidente Pierluigi Bolla ha sostenuto che “dall’esito dell’esercizio del diritto di recesso emerge una sostanziale compattezza dei nostri soci, a conferma della fiducia nei confronti del nostro istituto e del percorso di risanamento e rilancio intrapreso con nuovo impulso dal Consiglio di Amministrazione negli ultimi mesi”.

Complessivamente le azioni oggetto di recesso, riferisce l’istituto di credito, sono 2.017.248 e corrispondono all’1,62% dell’attuale capitale sociale. Il controvalore complessivo dell’esercizio di recesso, al valore di 7,3 euro per azione, risulta pari a 14,7 milioni. La banca ha spiegato che le azioni oggetto di recesso saranno prima offerte in opzione ai possessori di azioni Veneto Banca che non abbiano esercitato il diritto di recesso, “in proporzione al numero di azioni Veneto Banca da essi possedute”, e poi a terzi al valore di liquidazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Borse, Europa in positivo ma Piazza Affari perde slancio sul finale con le banche. La bad bank sarà “pillola amara”

prev
Articolo Successivo

Crollo banche, Padoan punta il dito contro la Bce, ma dimentica il ruolo della Consob

next