Not in my name“, con questo slogan le comunità musulmane italiane sono scese in piazza Santi Apostoli a Roma per la manifestazione indetta dall’UCOII – Unione delle Comunità Islamiche d’Italia– per dire no all’Isis e distanziarsi dagli ultimi attentati di Parigi. La risposta che si attendeva e che molti rappresentanti della politica e della società italiana avevano chiesto alla comunità musulmana è arrivata, nonostante la pioggia, centinaia di donne e uomini hanno manifestato per prendere una posizione di distanza dai terroristi che stanno terrorizzando l’Europa. “I musulmani devono assumersi le loro responsabilità per non lasciare spazio al radicalismo, all’estremismo, all’odio e al fanatismo” ha detto Abdellah Redouane, Segretario Generale della Moschea di Roma parlando dal palco della manifestazione. “I compagni di classe di mio figlio gli dicono che i musulmani sono terroristi – dichiara una donna – io sono qui anche per questo: per dire lui che siamo contro il terrorismo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terrorismo, ‘bomba a Milano’. Scherzava, denunciato per procurato allarme

prev
Articolo Successivo

Attentati Parigi, rientrata la salma di Valeria Solesin: “Raggiunta da due colpi sparati dall’alto”

next