Voleva spaventare il compagno che aveva lasciato la sua migliore amica. Così un sedicenne di Ivrea, in provincia di Torino, è andato a scuola con una pistola calibro 38, cinque coltelli e una quindicina di proiettili nascosti nello zaino. Martedì pomeriggio, il ragazzo ha mostrato l’arma ad un gruppo di compagni di classe, tra cui il giovane colpevole di aver spezzato il cuore alla sua amica. Gli studenti, spaventati, hanno poi avvertito la polizia di Ivrea che è accorsa nella scuola e ha perquisito il sedicenne, trovando l’armamentario nascosto. La pistola, regolarmente denunciata, e i coltelli provenivano dalla cassaforte del padre, di cui il ragazzo aveva rubato la chiave. Lo studente è stato denunciato per porto abusivo d’armi e l’arsenale sequestrato.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, ennesimo naufragio in Turchia: 14 vittime tra cui 7 bambini. Renzi: “Basta commuoversi, serve agire”

next
Articolo Successivo

Vatileaks 2, indagati i due autori dei libri-inchiesta Nuzzi e Fittipaldi. L’accusa: “Divulgazione di notizie”

next