“La maggioranza politica di questa città ha indebolito i lavoratori, per questo devono chiedere scusa”. Giorgio Airaudo, parlamentare di Sel, fa un passo avanti e si candida a sindaco della città di Torino. L’ex sindacalista chiama i suoi a raccolta, sabato 14 novembre, “per un pranzo popolare e se saremo abbastanza persone correrò”. Airaudo è pronto a scendere in campo con una lista civica “che non avrà il mio nome”, per riproporre i valori della sinistra: “Del centrosinistra è rimasto solo il centro”. I voti che raccoglierà il parlamentare arriveranno da Sel ed da molti ex Pd, ma anche dai tanti delusi della gestione di Piero Fassino. In questi anni Torino vive una crisi profonda, basta guardare al triste record di città con più sfratti in Italia. Da capire se la candidatura dell’ex sindacalista darà più fastidio al Pd o al M5s. In un sondaggio fatto fare dal Pd, l’attuale sindaco perderebbe al ballottaggio con il candidato del Movimento

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ponte sullo Stretto di Messina, Renzi: “Si farà e sarà un simbolo bellissimo. Ma prima altre opere”

prev
Articolo Successivo

Bologna ieri, oggi, domani

next