C’è una data che fa da spartiacque per i diritti dei passeggeri italiani: dal 15 ottobre tutti stanno godendo dello stesso livello di tutela che si tratti di aereo, treno, autobus e navi. L’Autorità di regolazione dei trasporti ha, infatti, finalmente pubblicato anche il regolamento del trasporto via mare e per vie navigabili (come fiumi o laghi) che, per la prima volta, stabilisce le sanzioni a carico delle compagnie che creano dei disservizi ai clienti di barche, traghetti e navi da crociera. Non si tratta però di rimborsi o risarcimenti a favore dei passeggeri (questi sono già stati stabiliti nel Regolamento europeo 1177/2010), ma delle modalità operative e procedurali di attuazione della disciplina sanzionatoria. In altre parole, vere e proprie multe che possono essere comminate su segnalazione del passeggero o d’ufficio e che dovrebbero scoraggiare le compagnie a non calpestare più i diritti dei viaggiatori in caso di cancellazione o ritardo del viaggio.

Il regolamento che, arrivato in extremis rispetto alle disposizioni stabilite dall’Unione europea (dove è entrato in vigore nel dicembre 2012) che negli scorsi mesi ha anche minacciato l’intervento della Corte di giustizia se l’Italia non lo avesse adottato, dovrebbe rappresentare l’arma in più per i consumatori. È, infatti, ancora vivo il ricordo dell’odissea vissuta dai ventimila passeggeri che, nell’estate del 2014, furono lasciati a terra dalla GoinSardinia, l’ormai ex compagnia di navigazione in servizio tra Olbia e Livorno (è stata dichiarata fallita nel giugno 2015) che sospese improvvisamente la navigazione senza che nessuna autorità potesse intervenire. Tanto che i rimborsi difficilmente verranno erogati ai passeggeri: per quanti non abbiano ottenuto l’immediata restituzione del biglietto del traghetto acquistato all’epoca, l’unica strada percorribile è quella dell’insinuazione al passivo fallimentare. Mettersi cioè in coda insieme a tutti gli altri creditori e sperare che siano rimasti dei quattrini nelle casse della società. L’udienza di verifica dello stato passivo è fissata per il prossimo 3 dicembre.

Del resto che il mondo dei trasporti sia costellato di disavventure, insidie e drammi per i passeggeri è cosa nota, ma ora – ha spiegato il presidente dell’Autorità dei trasporti, Andrea Camanzi – spunta qualche speranza in più di “ottenere giustizia con una regolamentazione che, almeno in materia di diritti, si è uniformata con quella europea”. E la chiave intorno alla quale ruota questa chance è che d’ora in poi i passeggeri che abbiano già presentato reclamo all’impresa di trasporto via mare o per vie navigabili interne, potranno rivolgersi in seconda istanza, anche tramite le associazioni dei consumatori, all’Authority per segnalare le violazioni.

Come far valere i propri diritti
I reclami devono essere redatti compilando una modulistica specifica e inviati all’Autorità per raccomandata o pec dopo che siano decorsi almeno 60 giorni dall’invio del reclamo al vettore che gestisce il servizio di trasporto. Quali? Ad esempio – spiega l’associazione Aduc –  se il traghetto non parte (o parte con ritardo previsto di oltre 90 minuti) e la compagnia non avvisa i passeggeri della possibilità di farsi rimborsare il biglietto. Oppure la mancata assistenza in caso di cancellazione (a seconda del caso spuntini, pasti, bevande, sistemazione in albergo o altro alloggio). Ma i comportamenti più puniti sono comunque quelli che ledono i diritti dei passeggeri con mobilità ridotta o diversamente abili. Ad ogni disservizio, infatti, corrisponde una sanzione minima e massima che verrà applicata e fatta pagare al gestore con un’importante novità: i soldi sborsati andranno ad alimentare un fondo che, almeno sulla carta, dovrebbe essere utilizzato per finanziare progetti a vantaggio dei consumatori dei settori dei trasporti.

I principali obblighi a carico delle compagnie per i quali il passeggero può fare segnalazione
Sul fronte biglietti e contratto di viaggio, la mancata erogazione prevede una sanzione che va da 150 a 1.500 euro. Se non viene comunicata la cancellazione alla partenza, il ritardo (avviso da dare quanto prima ai passeggeri in partenza e non oltre 30 minuti dopo l’ora di partenza prevista) o il nuovo orario di partenza, la multa può arrivare a 5mila euro. Ma se non si consente al cliente di scegliere, in caso di mancata partenza dal porto (o ritardo di oltre 90 minuti), tra un trasporto alternativo a condizioni simili o il rimborso del prezzo del biglietto con ritorno, se necessario, al punto di partenza, la sanzione è di 15mila euro. Alle compagnie costa, invece, 600 euro a passeggero la mancata assistenza in caso di cancellazione o ritardo della partenza. E se tutte queste informazioni non vengono chiaramente fornite, i gesrtori devono sborsare anche 900 euro a cliente. Si arriva poi a 25.000 euro per le compagnie che non attivano un sistema di gestione dei reclami.

Per quanto riguarda, infine, i passeggeri disabili o con mobilità ridotta, il regolamento prevede specifiche casistiche per non discriminare il loro viaggio: dalla mancata assistenza gratuita (1.200 euro) alla non erogazione del biglietto o al mancato sforzo per proporre un’alternativa di trasporto (5mila euro), fino a 15mila euro in caso di mancata fissazione di condizioni d’accesso non discriminatorie in collaborazione con organizzazioni che rappresentano persone disabili o a mobilità ridotta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fisco, come cambia processo tributario. Mediazione anche sugli atti di Equitalia

prev
Articolo Successivo

Catasto, i metri quadri debuttano nelle visure. Ma vale solo per tassa sui rifiuti

next