Nomi, numeri di telefono e mail di membri del Ku Klux Klan. E’ quanto Anonymous ha iniziato a rivelare con la campagna “Hoodoff” (giù i cappucci), che punta a rendere pubbliche le identità di oltre mille persone che secondo i pirati della rete militano tra le fila del gruppo razzista americano.

Tra le personalità già smascherate ci sono anche Jim Gray, sindaco di Lexington, in Kentucky, e il senatore dell’Indiana Dan Coats. Entrambi, però, hanno immediatamente smentito la notizia. “Si tratta di affermazioni false, offensive e ridicole”, ha dichiarato Gray. “Non ho mai avuto rapporti di alcun tipo con il Kkk e sono contrario a tutto ciò che rappresenta – ha aggiunto – Non ho idea da dove arrivi questa informazione, ma in ogni caso è sbagliata”.

Anche Coats ha detto che si tratta di una notizia “completamente falsa” e “respinge ogni forma di discriminazione”. Anonymous nel frattempo promette di scatenare domani una campagna sui social media contro il Ku Klux Klan con l’hashtag #HoodsOff.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo: al Zawahiri in cerca di notorietà

next
Articolo Successivo

Usa, scuola: “E’ un transgender, non può entrare nello spogliatoio femminile”. Dipartimento Educazione: “Violati diritti”

next