Il Capo della Polizia Alessandro Pansa e l’ex governatore Antonio Bassolino sono stati assolti dall’accusa di omissione in atti d’ufficio in relazione alla gestione dei rifiuti durante l’emergenza in Campania. La sentenza è stata emessa dalla quarta sezione del Tribunale di Napoli. Con loro sono stati assolti anche 15 sindaci.

Sono state così accolte le richieste degli avvocati Carlo Di Casola e Filippo Dinacci, legali di Pansa e dell’avvocato Giuseppe Fusco, difensore di Bassolino. Pansa era imputato nella sua qualità di commissario straordinario per l’emergenza rifiuti, incarico rivestito dal 2007 al 2008. L’accusa si riferiva alla mancata emissione di ordinanze atte a bloccare la situazione di emergenza. Anche il pm Ida Frongillo, a conclusione della requisitoria, aveva chiesto l’assoluzione degli imputati. Il procedimento era stato avviato dopo che si era concluso con l’assoluzione un processo per epidemia colposa. “E’ questa una ulteriore, ennesima assoluzione nel merito di Bassolino per la vicenda dei rifiuti a Napoli”, ha commentato l’avvocato Giuseppe Fusco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Moussa Sadr, la verità quarant’anni dopo: “Imam fatto sparire da Gheddafi, Roma non c’entra”

next
Articolo Successivo

Corruzione, area Castello a Firenze: condannati Ligresti e due ex assessori Pd

next