Weedmaps è un’azienda nata in California per fornire strumenti ai dispensari di cannabis”. E’ questa la spiegazione di David riguardo all’azienda per cui lavora che aiuta i pazienti a localizzare dispensari di cannabis o club per fumatori in tutti i Paesi in cui la cannabis è regolamentata come Usa, Canada, Olanda e Spagna. “E’ un modo per accedere ad una cannabis sicura, di qualità e fuori dal mercato nero”, puntualizza David. Altro servizio presente alla prima edizione di Cannamed Valencia, offerto a chi utilizza cannabis e incappa in una multa, o a chi ad esempio vuole aprire un cannabis social club, è quello degli studi giuridici dedicati. “C’è una costante crescita del settore e la cannabis in Spagna è molto radicata”, ci ha spiegato l’avvocato Joan Bertomeu dello studio legale Brotsanbert. “Purtroppo di recente una sentenza ha condannato un club di fumatori per un reato contro la salute pubblica. Ma a dicembre ci saranno le elezioni e potrà esserci un cambio al governo che faciliti la regolamentazione” di Mario Catania

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rai3, “A 70 anni sono una nonna escort e regalo desideri”. Ripartono ‘I 10 comandamenti’

prev
Articolo Successivo

Usa, ecco quanto costa una sbornia all’economia americana: uno studio calcola le 26 conseguenze dell’abuso di alcol

next