Il Frappuccino della Starbucks potrà essere venduto anche in Italia. Da tempo circola la voce di un’apertura di negozi dell’azienda americana, senza però una effettiva realizzazione del progetto. Ma se fino ad ora erano solo appelli e “bufale” lanciate anche sui social network, adesso è il Corriere della Sera a riferire di una trattativa “in fase avanzata” per lo sbarco nella Penisola della catena internazionale di caffetterie per il 2016.

Gli accordi dovrebbero essere firmati entro Natale e al tavolo della trattativa con l’azienda americana siede Antonio Percassi, presidente dell’Atalanta (Bergamo), imprenditore nel ramo dei centri commerciali – come lo shopping center dell’aeroporto di Orio al Serio – e “importatore” della catena di negozi del marchio di lingerie Victoria’s Secret. Il primo negozio sarà quasi certamente aperto nel centro di Milano, e non a Roma come si vociferava.

Da circa vent’anni Howard Schultz, fondatore e già amministratore delegato di Starbucks, ha in programma di vendere il celebre Frappuccino anche nella patria del caffè. Secondo il quotidiano di via Solferino, l’anno scorso la squadra del manager di Seattle, sede del gruppo che fattura circa 9 miliardi di dollari, ha aperto una trattativa. Se l’accordo andrà in porto, Percassi dovrebbe essere franchising partner per l’Italia, lo stesso modello applicato con Victoria’s Secret.

Starbucks, fondata da un professore di inglese, uno scrittore e un insegnante di storia, prende il nome da un personaggio di Moby Dick, che rievoca i viaggi per mare dei primi mercanti di caffè. Attualmente i negozi della catena sono 22.519 in sessantasette Paesi, con oltre trenta diverse miscele di caffè servite. Il primo punto vendita al di fuori del Nord America è stato aperto nel 1996 in Giappone.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Milano, studente in gita muore dopo caduta dal sesto piano dell’hotel: “Alcol e marijuana, forse un malore”

next
Articolo Successivo

Denise Pipitone, negativo il test Dna alla bimba che scrisse a Piera Maggio: “Mamma, sono io”

next