Non è più l’epoca degli ascolti oltre i dieci milioni per la Nazionale di calcio, ma quando giocano gli Azzurri, la sfida dell’Auditel è comunque segnata. E anche ieri sera, con l’Italia di Conte che ha chiuso le qualificazioni agli Europei in bellezza battendo la Norvegia, RaiUno ha trionfato con 7,5 milioni di spettatori e uno share del 26,57%. Al secondo posto, ma a distanza siderale, la seconda parte del film Titanic (3,5 milioni e 13,05%) su Canale5.

Buon risultato per Stasera tutto è possibile, lo show condotto da Amadeus su RaiDue, che ha ottenuto 2,5 milioni di telespettatori (10,55% di share), mentre è da segnalare l’ottimo esordio della nuova stagione de La Strada dei Miracoli, il programma condotto da Safiria Leccese su Rete4, con 1,3 milioni di spettatori (6,52%). Il film I fantastici viaggi di Gulliver su Italia1 (1,4 milioni, 5,33%), ha battuto i due talk show politici del martedì sera, ancora una volta fanalini di coda: Ballarò (RaiTre) si è fermato a 1,1 milioni (4,99%), mentre Giovanni Floris con Di Martedì (La7) si deve accontentare di un milione (5,34%).

Nonostante l’assenza dei pacchi di Affari Tuoi causa Nazionale, Striscia la Notizia non è riuscita ad approfittarne, fermandosi sotto i 4 milioni (share del 14,02%), mentre Dalla vostra parte di Del Debbio (Rete4) ha battuto Otto e Mezzo (La7): 1,5 milioni (5,38%) contro 994mila (3,57%). RaiUno continua a vincere agevolmente la sfida del preserale, con L’Eredità che ottiene 5 milioni (24,91%) mentre Avanti un altro! di Paolo Bonolis si ferma a 3,3 (17,02%). Stesso risultato per lo scontro tra i tg delle 20, con il Tg1 che supera i sei milioni di spettatori (25,27%), distanziando di quasi dieci punti il Tg5 (4,2 milioni, 16,97%). In seconda serata, Bruno Vespa vince ma non convince con 815mila spettatori (9,32%), mentre su RaiDue Sorci Verdi (condotto da J Ax) si ferma a 340mila (3,52%).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ascolti tv 12 ottobre 2015, Il Giovane Montalbano affonda il Titanic. Bene Pechino Express, tengono Le Iene

prev
Articolo Successivo

Calcio in tv, giù le mani dal Trap: la sua passione sgrammaticata è un toccasana contro il divismo dei telecronisti

next