Svaligiavano appartamenti grazie alle informazioni delle badanti che ci lavoravano dentro. E’ l’accusa fatta dai carabinieri di Roma a una banda internazionale di criminali attiva in tutta Europa: Italia, Germania, Francia, Spagna, Austria, Russia, Georgia e Moldavia.

Le persone arrestate sono 57, tutte in flagranza di reato, scoperte mentre stavano compiendo dei furti in alcune abitazioni romane nei quartieri Parioli, Pinciano, Prati e Talenti. L’indagine è stata condotta dalle forze dell’ordine italiane con la collaborazione dell’Europol, l’Agenzia Europea per la lotta al crimine.

Il gruppo era composto soprattutto da persone di nazionalità georgiana che individuavano gli appartamenti grazie alle indicazioni di decine di badanti provenienti dall’Est Europa. I malviventi entravano nelle abitazioni grazie al key-bumping: si tratta di una tecnica che permette di forzare le serrature blindate senza lasciare segni di effrazione, inserendo una chiave a urto che poi viene colpita con un oggetto rigido.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diritto alla casa: cosa significa subire uno sgombero forzato, dal giorno alla notte?

prev
Articolo Successivo

Migranti, al via ricollocamenti. Partiti per la Svezia 19 eritrei arrivati a Lampedusa

next