La società immobiliare Sorgente Res ha ritirato l’offerta per la quotazione in Borsa perché la domanda di azioni è risultata troppo bassa. L’azienda controllata dal gruppo di Valter Mainetti sarebbe dovuta sbarcare sul listino milanese giovedì 15 ottobre. Il passo indietro è stato deciso perché il mercato non ha offerto i 400 milioni previsti come obiettivo di raccolta da Sorgente, che ha in portafoglio immobili di prestigio come il Lingotto di Torino e una quota del Flatiron di New York.

Il piano di Sorgente, che aveva fissato l’offerta a un prezzo fisso di 3 euro per azione, era di raccogliere risorse sufficienti per acquistare altri immobili di prestigio tra Roma, Milano e Torino. Inoltre Mainetti, che in questa operazione si è alleato con la Ipi della famiglia Segre per riportare in Borsa il Lingotto di Torino, aveva confezionato un portafoglio di 17 immobili a reddito, dal valore stimato in 486 milioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cattolica Assicurazioni, multa Antitrust: “Pratiche aggressive per recupero crediti”

prev
Articolo Successivo

Banche, supera i 2 miliardi il piano per salvare Carife, Etruria e Banca Marche

next