La società immobiliare Sorgente Res ha ritirato l’offerta per la quotazione in Borsa perché la domanda di azioni è risultata troppo bassa. L’azienda controllata dal gruppo di Valter Mainetti sarebbe dovuta sbarcare sul listino milanese giovedì 15 ottobre. Il passo indietro è stato deciso perché il mercato non ha offerto i 400 milioni previsti come obiettivo di raccolta da Sorgente, che ha in portafoglio immobili di prestigio come il Lingotto di Torino e una quota del Flatiron di New York.

Il piano di Sorgente, che aveva fissato l’offerta a un prezzo fisso di 3 euro per azione, era di raccogliere risorse sufficienti per acquistare altri immobili di prestigio tra Roma, Milano e Torino. Inoltre Mainetti, che in questa operazione si è alleato con la Ipi della famiglia Segre per riportare in Borsa il Lingotto di Torino, aveva confezionato un portafoglio di 17 immobili a reddito, dal valore stimato in 486 milioni.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cattolica Assicurazioni, multa Antitrust: “Pratiche aggressive per recupero crediti”

next
Articolo Successivo

Banche, supera i 2 miliardi il piano per salvare Carife, Etruria e Banca Marche

next