Raduno in piazza del Cannone a Milano per difendere una legislazione laica e affermare diritti civili. Una manifestazione che non si concentra solo sui temi Lgbt (dal matrimonio gay a una legge contro l’omofobia), ma rivendica anche fecondazione assistita, “diritto a morire e una scuola pubblica e laica”, spiega Luca Paladini, portavoce dei Sentinelli di Milano. “Non vogliamo parlare alla Chiesa ma alla politica che non deve farsi dettare l’agenda dal Vaticano“, continua Paladini. Tanti i giovani, ma numerosi anche i genitori. “Siamo qui per aiutare i genitori che sono in difficoltà a accogliere l’omosessualità del figlio – racconta Patrizia Farinazzo di Agedo, Associazione di genitori parenti e amici di persone omosessuali. “Dobbiamo rivendicare i loro diritti, perché – prosegue – oggi è mio figlio e domani può essere il tuo”. Alcuni studenti non vogliono farsi riprendere, sono sopratutto le vittime di violenze subite per il loro orientamento sessuale. “Mi hanno seguito e aggredito. Mi dicevano: ‘Vogliamo vedere se ora riesci a fare il frocio alternativo‘. E’ molto facile sentirsi soli e questo è molto molto pericoloso”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vaticano, monsignor Charamsa: “Ecco l’uomo che amo, in un libro metterò a nudo tutta la mia storia”

prev
Articolo Successivo

Vaticano, Ruini sul coming out di Charamsa: Provo più pena che sorpresa”

next