L’Alitalia Maintenance Systems, l’azienda che revisiona e ripara i motori della compagnia aerea Alitalia-Etihad, sta fallendo e 240 dipendenti circa altamente qualificati rischiano di perdere il posto. “Etihad vuole trasferire questo prezioso servizio all’estero”, spiega Alessandro Di Battista, deputato M5S, presente alla manifestazione indetta dai dipendenti sotto la direzione della compagnia aerea. Da maggio l’azienda non riceve più le commesse anche se “ci sono 12 motori da riparare – racconta Claudio Arbotto, Fit Cisl – e la stessa Alitalia sta governando la nostra azienda da oltre un anno. Sono loro i responsabili del fallimento della nostra impresa”. L’Italia sta perdendo un altro settore di eccellenza ed i costi per la manutenzione dei motori potrebbero anche aumentare se tale mansione verrà trasferita all’estero. “Noi siamo qui ad un passo dall’aeroporto – rimarca Fabio Ceccalupo, Ugl trasporto aereo –, ma con un’azienda estera le spese per questa attività lieviteranno inevitabilmente per il trasporto dei motori da riparare, la dogana e via discorrendo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Jobs act, il contrasto alle discriminazioni di genere diventa ‘eventuale’

prev
Articolo Successivo

Lo sciopero diventerà presto un reato

next