“Nel ’42. Sui libri ci sono pagine e pagine, io volevo viverla, tanto so’ donna e il militare non l’avrei fatto e me ne sarei stata a casa“. Già prima di essere incoronata Miss Italia, la neoeletta Alice Sabatini aveva già fatto la sua prima gaffe (guarda il video), rispondendo alla domanda del giurato Claudio Amendola, che chiedeva alle miss in quale epoca avrebbero voluto vivere. Una risposta che aveva scatenato gli utenti online con decine di meme. Ma sul sito Urban Post la miss si difende:

“Non sono riuscita a espormi bene – ha detto – considerando che sono stata la prima a essere intervistata“. E nell’intervista prosegue: “Non è stata una gaffe in realtà, mi sarebbe piaciuto essere come la mia bisnonna, che è ancora viva e mi parla sempre della Seconda guerra mondiale“. Alice infatti, avrebbe “voluto provare ciò che ha passato lei in quegli anni, nel bene e nel male. Ovviamente tutti mi hanno guardato con aria sconvolta e non sono riuscita a spiegarlo bene. Ma penso che mi avrebbero insultata anche se avessi risposto diversamente”.

A difendere la Miss è intervenuta anche Vladimir Luxuria: “Non scherziamo, è solo una gaffe. Bisogna avere il dono della comprensione – ha detto la giurata di Miss Italia 2015 -. Si immagini l’emozione di una giovane che ha riflettori puntati addosso: è andata nel panico. Quel momento va contestualizzato”. Secondo l’ex parlamentare la ragazza “si è semplicemente espressa male” e “più che auspicare la guerra – che stonerebbe soprattutto in questo periodo – credo volesse dire che le sarebbe piaciuto comprendere cosa significa stare davvero in guerra, capire cosa significa fuggire da un conflitto. Non credo che il suo sia un pensiero nostalgico sulla guerra”. Tuttavia, conclude Luxuria, “si può dire che non sono state dette le solite banalità durante la trasmissione, quando in genere le miss dicono di augurarsi la pace nel mondo: quella di Alice è stata sicuramente una frase sorprendente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Campovolo 2015, Ligabue “suona” l’album di 25 anni di ricordi. Con le sue tre band e insieme a 150mila “familiari”

prev
Articolo Successivo

Max Pezzali travestito da donna presenta Astronave Tour 2015: “Lei sarà ospite fissa in ogni tappa”

next